You are here: Home Cultura Personaggi Vittorio Emanuele II a Mola di Gaeta

Vittorio Emanuele II a Mola di Gaeta

E-mail Print PDF

Anche Vittorio Emanuele II, così come fece suo nonno ( Vittorio Emanuele I fu esule nel golfo, ospitato dal re di Napoli, nel periodo delle invasioni napoleoniche) fece visita a Formia, allora Mola di Gaeta.

 

Colui il quale viene salutato dalla storia come Padre della Patria, non fu altro che un profittatore arrivista telecomandato dalla supremazia Inglese. Vittorio Emanuele II, che seppe con intrighi, imbrogli e scorrettezze soggiogare il popolo per arrivare alla Corona d'Italia, invase il Sud senza dichiarazione di guerra, e negando al proprio cugino (Re Francesco II di Borbone) quanto stava facendo fino alla fine.

Era il 1862 ed il nuovo Re d'Italia si godeva il suo momento di successo. Ad aprile di quell'anno progettò il suo ingresso a Napoli, quella che era stata per secoli una Capitale di primati ed eccellenze a livello europeo e che lui trasformò, dando inizio alla sua depredazione ed umiliazione, che ancora oggi continua. Il suo viaggio è documentato grazie alla corrispondenza del Presidente del Consiglio dei ministri del Regno d'Italia Urbano Rattazzi. Questi predispone il viaggio del re, pianificando la partenza da Genova in Toscana, da li a Formia per poi finalmente arrivare a Napoli.

La tappa nel Golfo era d'obbligo. Oltre che a livello tattico di viaggio, il rimarcare la sua presenza nel Golfo di quella Gaeta che gli fu tanto ostile durante l'unificazione era fondamentale per rimarcare la sua vittoria.

Il Presidente Rattazzi il 21 Aprile 1862 scrive al Prefetto di Napoli per comunicargli gli ultimi dettagli del viaggio e le volontà del Re a riguardo. Alcune navi francesi, della flotta di Tolone, accompagneranno l'arrivo del re a Napoli in segno di amicizia verso l'alleato piemontese. L'Imperatore di Francia fa però sapere che le sue navi non saranno arrivate a Napoli prima del 26 o 27 di aprile. Vittorio Emanuele II si fermerà Domenica 27 a Mola di Gaeta, avrà il tempo di far giungere a Formia anche il prefetto di Napoli per farsi poi accompagnare in nave per il trionfale ingresso nella Capitale del Sud conquistata. Un piccolo giro della città prima dell'ingresso a Palazzo Reale.

Niente dopo quell'anno sarà più uguale per Napoli e per il Sud Italia.

Daniele E. Iadicicco

in foto : Urbano Rattazzi

 

 

 

 


 

 



Add this page to your favorite Social Bookmarking websites
Reddit! Del.icio.us! Mixx! Free and Open Source Software News Google! Live! Facebook! StumbleUpon! TwitThis Joomla Free PHP
 

Fra'Diavolo

contatore