You are here: Home Cultura Personaggi

Personaggi

Mario Lieto

Mario Lieto (Gaeta 1914-1955)

Figlio di Vincenzo, noto decoratore d’interni della zona, apprende i primi rudimenti del disegno e del colore dallo stesso padre.

Last Updated on Monday, 25 January 2010 11:43

Read more...

 

Ambrogio Sparagna

 

 

Ambrogio Sparagna Musicista ed Etnomusicologo - Maranola (LT) 1957

 

Figlio di musicisti tradizionali di Maranola (LT), studia Etnomusicologia all'Università di Roma con Diego Carpitella

Last Updated on Thursday, 10 December 2009 11:37

Read more...

 

Felice Chiusano


Fondi (LT), 28-3-1922 - Milano, 3-2-1990
Dopo aver studiato la chitarra da autodidatta e aver fatto le prime esperienze
Last Updated on Monday, 23 November 2009 15:50

Read more...

   

Armando Lieto

Armando Lieto  (Gaeta 1917) Nasce a Gaeta nel 1917. Figlio d’arte, si dedica assiduamente alla pittura negli anni Cinquanta.

Last Updated on Wednesday, 02 December 2009 11:40

Read more...

 

Tommaso Macera

 
TOMMASO MACERA (Gaeta 1910 – Roma   1985)
Fin da giovane dimostra inclinazioni per il disegno e la pittura.
Figlio di modesti contadini non ha la possibilità di dedicarsi completamente agli studi artistici. Nel 1930 viene chiamato alle armi, destinazione La Spezia. La permanenza nella città ligure gli permette di frequentare nei momenti liberi la scuola di Arti e Mestieri.
Finito il servizio militare, si iscrive alla Libera Scuola del Nudo del Liceo Artistico di Roma ove riceve l’insegnamento del pittore reatino Antonino Calcagnodoro. Nel1934 conosce i pittori gaetani Saturno Bartolomei, Erasmo Ranucci e Mario Lieto. Nel 1935 espone per la prima volta in una mostra per giovani pittori gaetani. Un suo quadro, custodito all’interno della chiesa di San Francesco, viene acquistato dal Comune di Gaeta. Nello stesso anno dà prova delle sue doti in occasione dell’annuale “festa dell’uva”, riproducendo un somigliante ritratto di Benito Mussolini con chicchi d’uva.
Nell’ambito della Bonifica delle Paludi Pontine e delle creazione di nuove città, espone nella prima che si tiene a Sabaudia. Riprende gli studi privatamente e consegue il diploma della scuola tecnica che gli consente di iscriversi al Liceo Artistico di Roma. Diplomatosi nel 1938, si iscrive quindi all’Accademia di Belle Arti della capitale, dove riceve gli insegnamenti del maestro Carlo Siviero. Fuggito da Gaeta nel 1943 per i noti eventi bellici, si arruola nella Marina Militare e viene trasferito a Napoli, dove si iscrive all’Accademia di Belle Arti per continuare gli studi intrapresi a Roma e dove si diploma sotto la guida dei maestri Emilio Notte e Vincenzo Ciardo.
Nel 1945 rientra in una Gaeta semidistrutta dove insegna nella scuola media. La pittura di questo periodo è sfumata, evanescente, ritrae scorci di una Gaeta rurale e povera, con personaggi dediti alle loro attività quotidiane. Nel 1950 partecipa alla mostra di Arte Sacra in San Pietro in Aram con l’opera La Comunione ottenendo una medaglia d’oro. Conosce Domenico Purificato.
Dagli inizi degli anni Cinquanta è tutta una serie di partecipazione ad importanti mostre e rassegne nazionali: Quadriennale di Roma, Premio Michetti, Premio Terni, VII Mostra Nazionale di Arte sacra a Milano, Biennale d’Arte Mediterranea di Genova, Maggio di Bari, Premio La Spezia, L’arte nella vita del Mezzogiorno d’Italia, Mostra Internazionale di Winnipeng in Canada, Premio Marzotto.
Le sue opere si possono ammirare a Gaeta nella mostra permanente allestita nella Pinacoteca Comunale d’Arte contemporanea “Giovanni da Gaeta”.
Da antorema.com
TOMMASO MACERA (Gaeta 1910 – Roma   1985) Fin da giovane dimostra inclinazioni per il disegno e la pittura.Figlio di modesti contadini non ha la possibilità di dedicarsi completamente agli studi artistici.

Read more...

   

Fra'Diavolo

contatore