Formia e Gaeta al Museo Altes di Berlino
You are here: Home Cultura Documenti Formia e Gaeta al Museo Altes di Berlino

Formia e Gaeta al Museo Altes di Berlino

E-mail Print PDF

Nell’isola dei Musei al centro di Berlino, dichiarate dall’UNESCO patrimonio dell’Umanità, si trovano due importanti reperti provenienti dal Golfo di Gaeta.

Tra i magnifici reperti archeologici testimonianti tutte le epoche e le civiltà umane, si possono incontrare queste due statue provenienti da Formia e Gaeta. La prima è la “Statua di giovane”  cosiddetto “Torso Amelung” rinvenuto a Formia. Tale opera prende il nome dell’Archeologo tedesco che la donò alla città di Berlino.  La postura è strettamente legata a quella della cosiddetto “ragazzo di Creta” dall'acropoli di Atene, si tratta di una splendida copia di epoca romana..

L’altra, meglio conservata, è la statua di Narciso da Gaeta,  acquisita secondo quanto descritto nel 1864. Anche questa come nel caso della statua di Formia è una copia romana del 4 ° secolo dC.  Il tipo di statua del ragazzo in piedi nudo appoggiato con il braccio sinistro su un pilastro viene interpretato come il bellissimo Hyacinth o come Narciso, che vede la propria immagine riflessa nell'acqua e si innamora di se stesso.  La statua è molto rilevante anche a livello artistico, tanto che il museo ha stampato postcard ricordo di questa e di altre pochissime sculture scelte nel suo immenso patrimonio in esposizione.

 

Il sistematico, quanto scellerato depauperamento del patrimonio archeologico/artistico italiano non  è solo da attribuire al saccheggio straniero. Le piccole città, come le nostre, sono state oggetto nel tempo dello stesso trattamento anche da parte di città più grandi italiane. Come sappiamo molte sono le opere di prima importanza presenti nel Museo Archeologico Nazionale di Napoli, nonostante Formia abbia un proprio Museo. Ricordiamo, in tal senso tutte le opere rinvenute a Formia presenti nel Museo partenopeo:  il bellissimo “Mosaico raffigurante Teseo combattere il Minotauro”,  la “Statua di Apollo con Pilastrino Rappresentante Nucleo” oltre che la celebre statua greca di “Nereide su Pistrice”. Oltre che a Napoli anche a Roma, passeggiando per il Palazzo Massimo alle Terme, possiamo imbatterci nel ritratto romano di Antonino Pio, scolpito all'inizio del regno dell'imperatore (ca. 138-140) e rinvenute a Formia.  Tale opera da il nome a tutte le sculture di quel genere “dette di tipo Formia” scoperte nei periodi successivi.

Antonino Pio da Formia a Roma

Apollo da Formia a Napoli

Mosaico da Formia a Napoli

Nereide da Formia a Napoli

 

Daniele Iadicicco

 

 



Add this page to your favorite Social Bookmarking websites
Reddit! Del.icio.us! Mixx! Free and Open Source Software News Google! Live! Facebook! StumbleUpon! TwitThis Joomla Free PHP
 

Fra'Diavolo

contatore