You are here: Home Cultura

Cultura

I sardi a Itri


Titolo: I Sardi a Itri
Autore: Pino Pecchia
Editore: Arti grafiche Kolbe
Anno: 2003

I libri di Pino Pecchia seguono tutti un obiettivo ben preciso: offrire testimonianze di fatti, eventi o personaggi che altrimenti rimarrebbero nell’oblio dei tempi. Davvero importante questo lavoro dedicato ai fatti di sangue avvenuti a Itri il 12-13 luglio 1911. Erano i tempi in cui si stava costruendo la ferrovia Napoli-Roma, e così vennero in paese squadre di operai per lavorare alla tratta che attraversava il comune di Itri. Questi operai, perlopiù sardi, arrivarono a gravi tensioni con gli abitanti del posto tanto da arrivare a colluttazioni che portarono a morti e feriti. Lo scrittore ripercorre questa vicenda con fare distaccato e non campanilistico per testimoniare una storia altrimenti dimenticata, che comunque fa parte della storia del nostro paese.

Di Daniele Iadicicco

Last Updated on Wednesday, 16 June 2010 08:03
 

E venne il Papa…!


Titolo: E venne il Papa…!
Autore: Pino Pecchia
Editore: Contributi pubblici e privati
Anno: 2007

Una testimonianza chiara e lucida atta a diventare un prezioso contributo ad un evento che rimarrà nella storia del Santuario della Civita: la visita di Papa Giovanni Paolo II. Eventi, memorie e immagini al millenario Santuario della Civita di Itri… questo il sottotitolo di questo libro che parte dalla narrazione della visita di Pio IX  a quella del Papa polacco.

Di Daniele Iadicicco

Last Updated on Wednesday, 16 June 2010 08:03
 

Esercitazioni navali fasciste nel Golfo di Gaeta

Cinquemila uomini, quattro divisioni della real marina militare, le più importanti cariche civili e militari, molte navi militari presenti nel golfo. Questo lo scenario di un otto agosto 1934 del tutto particolare per Gaeta. Al fine dell’addestramento dei marinai del regime fascista, Mussolini raggiunge Last Updated on Tuesday, 10 November 2009 14:49

Read more...

   

I costumi delle donne di Mola di Gaeta

Siamo nei primi anni di una giovane Italia. Nata nel sangue e nell’infamia. Adesso è tempo di costruire un’identità, di scambiare visioni e di offrire scorci di civiltà per il raffronto diretto nazionale. L’emporio pittoresco aveva questo compito, far conoscere l’Italia agli italiani. Ed ecco che nel 1866 in prima pagina c’è questa incisione ( probabilmente del formiano Mattej)
Last Updated on Tuesday, 10 November 2009 14:48

Read more...

 

Garofalo: L'ultimo Brigante degli Aurunci

Pietro Garofalo di Selvacava (Fr) fu un brigante che sparse terrore in tutta “Terra di Lavoro” e, dopo vari conflitti a fuoco, il 2 maggio 1861 fu segnalato nei pressi del monastero di Sant’Onofrio di Campodimele.

Last Updated on Monday, 24 May 2010 10:37

Read more...

   

Fra'Diavolo

contatore