You are here: Home Comuni Itri Le porte di Itri Vecchia

Le porte di Itri Vecchia

E-mail Print PDF

Il quartiere di Sant'Angelo o della Tarita, è il quartiere storico di Itri.  In esso troviamo un paesino medievale in cui il passare degli anni non sembra aver scalfito le vecchie usanze e le antichissime tradizioni.

Presenti nel quartiere quattro porte di accesso nella cinta muraria, antiche chiese e il castello, simbolo della città.

Porta Ripa
Scendendo dal colle di S. Angelo, percorrendo un tratto della suggestiva Via Edera, si incontra una scalinata che, dapprima con andamento tortuoso e poi rettilineo, conduce verso la parte bassa del paese. Percorrendo questa caratteristica scalinata si incontra Porta Ripa. Questa porta, non particolarmente ampia, è costruita in blocchi di pietra calcarea e presenta, nella parte superiore, i resti di un camminamento che veniva percorso dalle guardie poste a difesa dell’antica cittadina medievale.

Porta San Martino
Antica porta di accesso al paese medievale lungo via San Martino, la più ampia delle strade del borgo antico, lungo la quale si aprono, su entrambi i lati, una serie di suggestivi vicoli quali Vico Sinapi, Vico Staurenghi e Vico Giudea.

Porta Cea ( o Ceca)
Partendo dalla Chiesa di Santa Maria Maggiore, scendendo a destra per una ripida scalinata, si giunge alla Porta Cea (o Ceca), certamente molto meno imponente di Porta Mamurra. Il nome Cea deriva forse dal latino “Scea” cioè “porta con torre a sinistra”. In prossimità della porta vi era una piccola edicola (ora murata) in cui era conservato un affresco della Madonna della Civita con una iscrizione in latino. Attualmente c’è un quadro di recente realizzazione raffigurante quella stessa Madonna.

Porta Mamurra
Tra tutte le porte del paese è certamente la più importante, vista la maestosità della costruzione e la cura dei particolari architettonici. Sugli stipiti dell’arco sono stati scolpiti in rilevo due figure rappresentanti ciascuno un serpente. Al di sotto di questi rilievi, su entrambi i lati, si possono osservare due grossi blocchi di pietra su cui sono incise delle iscrizioni latine; ciò testimonia la consuetudine, diffusa nel medioevo, di riutilizzare materiali di epoca romana per opere edili. Il nome Mamurra deriva da una illustre famiglia formiana dei Mamurra, la quale aveva dei possedimenti ad Itri. La porta è anche detta Porta della Costa.



Add this page to your favorite Social Bookmarking websites
Reddit! Del.icio.us! Mixx! Free and Open Source Software News Google! Live! Facebook! StumbleUpon! TwitThis Joomla Free PHP
Last Updated ( Tuesday, 29 December 2009 15:02 )  

Fra'Diavolo

contatore