You are here: Home Comuni Isole Pontine Palmarola

Palmarola

E-mail Print PDF

Palmarola è la più grande delle isole satelliti di Ponza, con 136 ettari di superficie, e cime abbastanza alte: monte Guarniere (m. 249), la Radica (m.216) e monte Tramontana (m. 235).

Dista dall'isola maggiore poco più di 7 miglia, ed ha una struttura tipicamente vulcanica, con morfologia analoga a quella di Ponza: scogli, grotte, faraglioni ne fanno un ambiente spettacolare. Qui l'uomo preistorico veniva dal Circeo a raccogliere l'ossidiana per costruire utensili ed armi. Sulle pendici delle alture si aprono decine di case grotta, scavate, a partire dal Settecento, dai ponzesi che qui si recavano a pescare o a coltivare i pochi, avari terreni.

Itinerari subacquei: la Secca di Mezzogiorno

Questa secca prende nome dalla Punta di Mezzogiorno di Palmarola, una delle due estremità di Cala Brigantina e che "fu" Arco di Mezzogiorno, due altissime guglie rocciose che si elevano dalla superfice verso il cielo e che un tempo in alto si univano appunto in una sorta di arco. In seguito l'arco crollò e oggi restano, ben visibili anche da lontano, le due altissime guglie. La Secca di Mezzogiorno viene segnalata appunto da queste due "antenne" rocciose. La secca, in sé non avrebbe grossi motivi di interesse, tranne che per una una sorta di canalone che attraversa questo innalzamento del fondale e che vale la pena esplorare. Le pareti del canalone a volte sono parallele, altre volte tendono ad avvicinarsi nella parte alta, e in qualche punto addirittura si congiungono. E', quella sulla Secca di Mezzogiorno, un'immersione suggestiva, che non obbliga il subacqueo a raggiungere quote estremamente impegnative, infatti tutto si svolge alla profondità di 20 metri. Intorno roccia bianca con isole di sabbia e diverse macchie di posidonia, una posidonia verde e lussureggiante che si trova solo nei punti più belli e incontaminati del Mediterraneo. Sulle rocce in ombra si trova qualche varietà di spugne, fra le quali quella incrostante rossa che può ricoprire vaste superfici. Moltissimi gli organismi bentonici da osservare e fotografare. Questo specchio d'acqua di Palmarola d'estate può essere un punto di transito di barche di ogni grandezza, quindi il sub deve segnalare con attenzione la propria presenza e risalire a galla facendo molta attenzione. Nelle isole di sabbia si possono trovare sogliole e rombi abilmente mimetizzati mentre, sulla roccia, ci sono organismi sessili come spugne, briozoi e tunicati: un piccolo grande mondo marino in cui sciamano piccoli pesci colorati, qualche polpo e, nelle cavità più in penombra, di tanto in tanto una colonia di gialle margherite di mare.

da palmarola.it



Add this page to your favorite Social Bookmarking websites
Reddit! Del.icio.us! Mixx! Free and Open Source Software News Google! Live! Facebook! StumbleUpon! TwitThis Joomla Free PHP
 

Fra'Diavolo

contatore