San Silverio Papa
You are here: Home Comuni Isole Pontine San Silverio Papa

San Silverio Papa

E-mail Print PDF

Silverio (Ceccano, 480ca. – Palmarola, 2 dicembre 537) fu il 58° Papa della Chiesa cattolica, che lo venera come santo.

Regnò dal 536 all'11 marzo 537, quando fu deposto. Alcuni storici posticipano la fine del suo pontificato all'11 novembre dello stesso anno, quando fu indotto ad abdicare ufficialmente in favore di Vigilio, che nel frattempo era stato eletto Papa irregolarmente.

 Biografia
Papa Silverio, nato a Ceccano (nella contrada di Campo Troiano, odierna Cantinella) verso il 480, morì di fame e stenti il 2 dicembre del 537 a Ponza. Nel testo di Michelangelo Sindici dal titolo “Ceccano l'antica Fabrateria” lo storico ceccanese smonta minuziosamente ogni pretesa delle altre cittadine e argomenta in modo convincente sulla nascita di San Silverio a Ceccano. Le incertezze innanzitutto vanno attribuite al fatto che in quel periodo Ceccano cambiò nome, da Fabrateria Vetus a Ceccano appunto, questo ha reso l'attribuzione della nascita da parte degli storici più difficile. Era figlio legittimo di papa Ormisda che, prima di diventare un alto prelato, era stato sposato. Silverio entrò al servizio della Chiesa quale suddiacono di Roma quando Papa Agapito I morì a Costantinopoli, il 22 aprile 536. L'imperatrice Teodora, che parteggiava per i monofisiti, nell'elezione papale, cercò di favorire il diacono romano Vigilio, che aveva fornito adeguate garanzie sulla questione monofisita. Tuttavia, Teodato, re degli Ostrogoti, che desiderava impedire l'elezione di un papa legato a Costantinopoli, la batté sul tempo e, grazie alla sua influenza fece eleggere il suddiacono Silverio. L'elezione di un suddiacono alla dignità di vescovo di Roma era piuttosto insolita. Di conseguenza, è facile capire che, come riportava l'autore della prima parte della vita di Silverio nel Liber pontificalis (edizione Duchesne, I, 210), il clero si oppose ad essa. Tuttavia, l'opposizione fu sedata da Teodato e Silverio fu consacrato vescovo (probabilmente l'8 giugno 536). Immediatamente dopo, giunse l'approvazione scritta di tutti i presbiteri di Roma alla sua elevazione. L'affermazione fatta dall'autore appena citato che Silverio si fosse assicurato l'intervento di Teodato dietro pagamento di un compenso si può spiegare con la sua ostilità nei confronti del papa e dei Goti. L'autore della seconda parte della vita di Silverio contenuta nel Liber pontificalis è, invece, favorevole al papa. Il pontificato di questo papa si svolse in un periodo di disordini ed egli stesso cadde vittima degli intrighi della Corte bizantina.

Dopo che Silverio divenne papa, l'imperatrice Teodora cercò di portarlo dalla parte dei monofisiti. Sperava, particolarmente, di farlo entrare in comunione con il Patriarca monofisita di Costantinopoli, Antimo, che era stato scomunicato e deposto da papa Agapito I, e con Severo di Antiochia. Tuttavia, il papa non si impegnò in alcun modo con Teodora, che decise di rovesciarlo e far diventare papa Vigilio. Dopo la morte di Amalasunta, figlia del re ostrogoto Teodorico il Grande, bizantini ed ostrogoti entrarono in guerra ed anche Roma ebbe i suoi problemi. Il re ostrogoto Vitige, che salì al trono nel mese di agosto 536 mise la città sotto assedio, sottoponendola a privazioni e carestia. Le chiese costruite sulle catacombe fuori dalle mura cittadine furono devastate e le stesse tombe dei martiri nelle catacombe furono aperte e dissacrate. Nel mese di dicembre 536, il generale bizantino Belisario occupò Roma e venne ricevuto dal Papa in modo amichevole e cortese. Teodora cercò di utilizzare Belisario per realizzare il suo piano di deporre Silverio e mettere al suo posto il diacono Vigilio, ex apocrisario di Costantinopoli, che era tornato in Italia. Antonina, moglie di Belisario, convinse il marito ad agire secondo il desiderio di Teodora. Tramite una lettera contraffatta il papa venne accusato di essersi accordato con il re goto che stava assediando Roma. Si affermava che Silverio avesse offerto al re di lasciare segretamente aperta una delle porte della città in modo da consentire l'ingresso dei goti. L'11 marzo 537, quindi, Silverio fu arrestato, spogliato del suo abito episcopale, vestito come un monaco e tradotto in Oriente presso il luogo del suo esilio. Un suddiacono annunciò al popolo che Silverio non era più Papa. Vigilio fu consacrato vescovo di Roma al suo posto.

Silverio fu portato in Licia, dove si stabilì a Patara. Il vescovo del luogo, molto presto, scoprì che il papa esiliato era innocente. Si recò a Costantinopoli e qui portò all'imperatore Giustiniano tali prove dell'innocenza dell'esule che l'imperatore ordinò a Belisario di istruire una nuova inchiesta. Se fosse risultato che la lettera riguardante il presunto complotto a favore dei goti era contraffatta, Silverio avrebbe dovuto tornare in possesso della sede papale. Contemporaneamente, l'imperatore consentì a Silverio di tornare in Italia. Questi, ben presto, rientrò nel paese, probabilmente a Napoli. Tuttavia, Vigilio non era disposto a tollerare il ritorno del suo predecessore illegalmente deposto. Questi, probabilmente, d'accordo con l'imperatrice Teodora e con l'aiuto di Antonina, la moglie di Belisario, fece portare Silverio sull'isola di Palmarola, un isolotto vicino a Ponza. Lì, l'11 novembre, fu costretto ad abdicare firmando un documento in cui rinunciava al ministero di vescovo di Roma in favore di Vigilio. Fu su quest'isola che il Papa morì a causa delle dure privazioni e del trattamento subito. Pare che il giorno della sua morte fu il 2 dicembre dello stesso anno, ma non è certo. Secondo il Liber Pontificalis fu sepolto sull'isola il 20 giugno. I suoi resti mortali non hanno mai lasciata l'isola.

Culto
Secondo il Liber Pontificalis, dopo la sua morte, i fedeli che visitavano la sua tomba già lo invocavano. In tempi successivi fu venerato come santo. La prima prova di questa venerazione si trova in un elenco dei santi dell'XI secolo (Mélanges d'archéologie et d'histoire, 1893, 169). Anche il Martyrologium di Petrus de Natalibus del XIV secolo, contemplava la sua festa che, nel vigente Martirologio Romano, ricorre il 2 dicembre.

Attualmente, Silverio è molto venerato sull'isola di Ponza, di cui è il santo patrono. La sua ricorrenza si celebra il 20 giugno, data in cui l'isola si veste a festa con una processione, fuochi artificiali, giochi e musica. Silverio è anche patrono, insieme ad Ormisda, di Frosinone. E'inoltre venerato come compatrono della città di Scerni(CH).

da wikipedia.it



Add this page to your favorite Social Bookmarking websites
Reddit! Del.icio.us! Mixx! Free and Open Source Software News Google! Live! Facebook! StumbleUpon! TwitThis Joomla Free PHP
 

Fra'Diavolo

contatore